Acqua, Acquedotti e Cultura a Siena

Acqua, Acquedotti e Cultura a Siena:

Geologia, cultura e paesaggio nella Divina di Dante.

Italiano

Italy Water Forum ha concesso il proprio patrocinio al ciclo di conferenze su “Geologia , Natura e Paesaggio nella Divina di Dante”, ideato dal Geologo Francesco Stragapede referente SIGEA Società Italiana di Geologia Ambientale per la Toscana che insieme al Consiglio Nazionale Geologi italiano ha attivato questa serie di eventi che si ripetono ogni martedì pomeriggio alle ore 16

.

Martedi 15 giugno abbiamo avuto l’evento intitolato “…Per Fontebranda non darei la vista…” introdotto da Endro Martini Presidente del Comitato Promotore della Candidatura Italiana ad ospitare il Forum Mondiale dell’ Acqua nel 2024 moderato da Francesco STRAGAPEDE che ha visto come relatori Enrico Tavernelli e Marco Giamello dell’ Università di Siena e Philippe Pypaert dell’UNESCO.

Si è parlato della città di Siena, della geologia e degli antichi acquedotti ( bottini) e di quei “matti” che nel mondo cercano l’acqua e riescono a trovarla proprio dove tutti pensano che non ci sia.

Un ringraziamento speciale a PYPAERT PHILIPPE , già capo unità del programma Unesco per le scienze nell’ufficio di Venezia, oggi rappresentante Unesco in Cina a Pechino per le cose che ci ha detto e per averci fatto conoscere la Rete Mondiale UNESCO dei Musei dell’Acqua (WAMU-NET).

English

Italy Water Forum has granted its patronage to the cycle of conferences on “Geology, Nature and Landscape in Dante’s Divine”, conceived by the Geologist Francesco Stragapede referent for SIGEA Italian Society of Environmental Geology for Tuscany which together with the Italian National Council of Geologists has activated this series of events that are repeated every Tuesday afternoon at 4 pm.
On Tuesday 15 June we had the event entitled “…Per Fontebranda non darei la vista…” introduced by Endro Martini President of the Promoting Committee of the Italian candidacy to host the World Water Forum in 2024 moderated by Francesco STRAGAPEDE who saw as speakers Enrico Tavernelli e Marco Giamello of the University of Siena and Philippe Pypaert of UNESCO.
We talked about the city of Siena, about geology and the ancient aqueducts (bottini) and about those “madmen” who in the world look for water and manage to find it right where everyone thinks it doesn’t exist.

Special thanks to PYPAERT PHILIPPE, former head of the Unesco science program in the Venice office, today the Unesco representative in China in Beijing for the things he told us and for introducing us to the UNESCO World Network of Water Museums (WAMU-NET).

Comments are closed.